Comunicazione
EARLY BIRD 10% for enrollment in University Specializing Masters starting in 2021 and 2022
  • Interior Design and Architecture
Corso

Certificatore Energetico

CORSO DI ALTA FORMAZIONE NON ATTIVO

Corso

La Certificazione fa parte delle misure che hanno come obiettivo la costruzione di edifici a consumo energetico quasi zero, nel quadro delle politiche internazionali di contrasto all’effetto serra.

Dopo quasi un decennio di esistenza la certificazione viene rinnovata profondamente col recepimento delle  nuove direttive europee sul risparmio energetico.  La Certificazione per questa sua collocazione nelle politiche ambientali è destinata a permanere a lungo nel panorama legislativo e già oggi è diventata una prassi corrente di ogni operazione di affitto, vendita o fine lavori. E’ interessante professionalmente perché rappresenta un contatto di lavoro suscettibile di sviluppi ed è un elemento qualificante di un curriculum.

La nuova Certificazione tiene conto dei consumi estivi e di molto altro. Dal primo gennaio diventerà obbligatoria anche per le nuove costruzioni – quelle a consumi energetici quasi zero – con la casistica di involucro edilizio e di impianti che ne consegue.

Nella Regione Lombardia il vecchio software Cened e Cened+ è sostituito dal nuovo Cened+2, che implementa  le nuove disposizioni normative. Sono note a tutti le difficoltà che si incontrano nell’uso di questo software, se non altro per gli aggiornamenti pubblicati con cadenza settimanale.

In occasione del recepimento delle nuove direttive, a livello nazionale la formazione dei certificatori  è stata riordinata e in parte liberalizzata.
Coloro che sono abilitati e iscritti a un Ordine o Collegio professionale possono accreditarsi presso la Regione e diventare certificatori senza ulteriore formazione obbligatoria; gli altri devono frequentare un corso di 80 ore. L’elenco dei titoli di studio, delle abilitazioni e degli Ordini è sul sito www.cened.it.

La liberalizzazione va utilizzata con prudenza, perché la certificazione è utilizzata per pratiche di valore economico importante e quindi è soggetta a forti responsabilità. Sono stati previsti maggiori controlli pubblici, ma è insidioso soprattutto il contenzioso civile, perché si può impugnare una certificazione per ottenere i più disparati vantaggi. Il certificatore per far fronte a ciò deve avere una conoscenza effettiva della complessa casistica tecnica e normativa che può verificarsi in un edificio.

Didattica

Frequenza

Il corso inizierà il 12 Febbraio 2016 e si svolgerà in 3 giornate di lezione (12, 19 e 25 febbraio 2016) di 8 ore ciascuna, per un totale di 24 ore.

La frequenza al corso è obbligatoria per il 90% del monte ore.

Obiettivi Formativi

Il corso è interamente finalizzato alla pratica del nuovo software e offre un esempio completo di due certificazioni schermata dopo schermata, una per edificio esistente e una per edificio nuovo.

Nei due esempi vengono toccati tutti i punti critici della certificazione: zone termiche, opzioni di calcolo, dispersioni verso terreno e verso ambienti non riscaldati, ponti termici, strutture murarie, coperture e sottotetti, ventilazione ecc. Inoltre vengono chiarite molte procedure del software non scritte o non facilmente rintracciabili nei testi.

L’esercitazione dovrebbe mettere in condizione il certificatore di usare il software Cened+2 offrendo una spiegazione facilitata delle 560 pagine di istruzioni (l’allegato H del Decreto direttore 6480 30/7/2015).

Per seguire l’esercitazione gli iscritti devono essere muniti di portatile proprio con il software Cened+2  montato e funzionante, scaricato dal sito www.cened.it.

Piano Didattico

Le lezioni si svolgono su tre giornate con 4 ore al mattino e 4 al pomeriggio (9:00-13:00 e 14:00-18:00) secondo una prassi già collaudata in molte edizioni di corsi per certificatori.

Il corso si terrà nelle giornate di venerdì 12 e 19 febbraio e di giovedì 25 febbraio 2016.

Moduli Didattici

Prima giornata
4 ore mattino
Principali differenze di impostazione della nuova certificazione. Contabilizzazione basata sulle energie non rinnovabili, confronto con l’edificio di riferimento, consumo energetico estivo.
Altre differenze di dettaglio: le nuove classi, il nuovo logo ecc. Il coordinamento alle linee guida nazionali e le varie questioni aperte: dall’archivio nazionale ai titoli di studio, dalle incompatibilità ai controlli delle certificazioni. Il software nazionale e quelli commerciali.
4 ore pomeriggio
Inizio esercitazione su software Cened+2 edificio esistente, parte architettonica.

Seconda giornata
4 ore mattino
Esercitazione su software Cened+2 edificio esistente, parte impiantistica.
4 ore pomeriggio
Esercitazione su software Cened+2 edificio nuovo, parte architettonica.

Terza giornata
4 ore mattino
Continuazione dell’esercitazione su software Cened+2 edificio nuovo, parte impiantistica.
4 ore pomeriggio
Continuazione fino a conclusione dell’esercitazione su software Cened+2 edificio nuovo, parte impiantistica.

Per gli ingegneri è previsto un test di apprendimento finale scritto (previsto dai loro CFP), composto da n. 10 domande, che il Direttore del Corso sottoporrà l’ultimo giorno di lezione.

Esercitazioni: il docente sviluppa sullo schermo l’esercitazione facendo scorrere le varie schermate del software che compila via via (ma le parti ripetitive sono già precompilate). Nei banchi i partecipanti hanno sul computer personale la stessa schermata (caricata wifi o con chiavetta) e compilano a loro volta le varie schermate saltando quelle ripetitive precompilate. Gli allievi devono avere precaricato il software distribuito gratuitamente dalla Regione. Di solito il caricamento del software riesce a tutti ed eventuali inconvenienti vengono risolti nelle prime ore del Corso.
L’esercitazione si sviluppa piuttosto lentamente perché ad ogni schermata vengono date spiegazioni anche non direttamente riguardanti la schermata. Durante la fase esercitativa si sviluppa anche la parte teorica col risultato di legare la pratica alla teoria e di alleggerire l’argomento che tuttavia rimane piuttosto pesante.

Titolo Rilasciato

Al termine del Corso verrà rilasciato un attestato di frequenza al Corso per Certificatore energetico di 24 ore da POLI.design, Politecnico di Milano, a coloro che frequentano almeno il 90% del monte ore.

Evento in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Milano. Sono stati richiesti 15 cfp al CNAPPC
Nella prima edizione l’Ordine degli  ingegneri  di Milano ha riconosciuto 24 CFP (con test finale, di 10 domande sottoposto l’ultimo giorno del corso); il Collegio Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza ha riconosciuto 1 CFP ogni ora di corso.
Chi desidera avere i Crediti Formativi Professionali CFP e appartiene a un Ordine o Collegio che richiede l’accreditamento preventivo del corso deve informarsi sulle condizioni poste dalla sua organizzazione e farne richiesta in segreteria al momento dell’iscrizione.

Ammissione

Requisiti

Destinatari del Corso sono i certificatori energetici già accreditati presso la Regione Lombardia e che vogliono aggiornarsi sulla nuova certificazione energetica e sul nuovo software Cened+2. Destinatari del Corso possono essere anche i laureati di professioni con abilitazione e ordine o collegio professionale (tipicamente architetti e ingegneri quinquennali o triennali e poi geometri e periti) che vogliono accreditarsi come certificatori e per i quali non è richiesto un corso specifico, ma che vogliono apprendere l’uso del software Cened+2.

I partecipanti sono professionisti, spesso giovani professionisti, già attivi nella professione, motivati rispetto al Corso, abituati a lavorare 8 ore al giorno su un progetto e che quindi non trovano eccessivamente pesante un’attività esercitativa di 8 ore.

Scadenze

28 gennaio 2016

Costo

La quota di iscrizione al Corso è pari a 300 € + IVA.

Chiudi