Comunicazione
Dal 7 all’11 dicembre Ponte di Sant’Ambroglio! Non esitare a contattarci, non vediamo l’ora di prendere in carico la tua richiesta già da lunedì 12!
Comunicazione
EARLY BIRD 10% per iscrizioni ai Master Universitari e Corsi di Alta Formazione in partenza nel 2023
Scopri di più

Concorso

Porada International Design Award 2020

Le diverse tipologie di sedie protagoniste della IX edizione del contest

Concorso internazionale di idee promosso da PORADA e POLI.design, con il patrocinio di ADI, Associazione per il Disegno Industriale.

Scadenza
15 ottobre 2021
Totale premi
10.000,00 €
Bando e modalità adesione

1° PREMIO PROFESSIONISTI (€ 3.000): “Soothy” di Cornelius Comanns
1° PREMIO STUDENTI (€ 2.000): “FIORDILATTE Chair” di Francesco Canali

Venerdì 10 dicembre, presso la Serra della Villa del Grumello, a Como, la giuria del PORADA INTERNATIONAL DESIGN AWARD 2020 ha selezionato i vincitori del concorso promosso da Porada Arredi srl, azienda comasca leader nel settore della produzione di complementi per l’arredo, e POLI.design, Società Consortile del Politecnico di Milano, con il patrocinio di ADI, Associazione per il Disegno Industriale.

Sei i vincitori – tre nella categoria Professionisti e tre in quella Studenti – che hanno saputo cogliere lo spirito del concorso interpretando i valori e l’identità di Porada, marchio protagonista del design italiano, e proponendo progetti innovativi ed originali aventi per tema la Sedia.

Il montepremi complessivo di 10.000 euro sarà quindi così ripartito:

Per la categoria PROFESSIONISTI:
1° premio: € 3.000: Cornelius Comanns con “Soothy”
2° premio: € 2.000: Marco Ferriani e Sara Sbolgi con “Ivy”
3° premio: € 1.000: Kazuya Maie con “Flusso”

Per la categoria STUDENTI:
1° premio: € 2.000: Francesco Canali con “FIORDILATTE Chair”
2° premio: € 1.200: Karen Tsui con “Dipping Wafer”
3° premio: € 800: Lucia Carnevalini con “Menfi”

Menzione speciale:
Jingyong Huang con “Mei Chair”

Sono tutti progetti di grande qualità e innovazione, che si sono distinti tra le 344 candidature provenienti da tutto il mondo e presentate alla commissione giudicatrice: 166 nella categoria professionisti e 178 nella categoria studenti. Numerose le adesioni dall’Italia, e altrettanto positiva la risposta a livello internazionale: Taiwan, Cina, Russia, Francia, Turchia, Brasile, Giappone, India, Serbia, Ucraina, Colombia, Spagna, Egitto, Hong Kong, Arabia Saudita, Messico, Regno Unito, Usa, sono alcune delle tantissime nazioni coinvolte.

A vincere il concorso per la categoria Professionisti è stato Cornelius Comanns con il progetto “Soothy”, che combina le funzioni di una sedia a dondolo e di una culla in un unico mobile che può essere utilizzato da un genitore insieme al proprio bambino. L’idea di questo design è nata quando si sono dovute prendere forti misure per contrastare il COVID-19, a causa del quale i genitori erano costretti a lavorare da casa e nel frattempo prendersi cura dei bambini. Soothy permette ai genitori di lavorare al computer, fare le faccende o semplicemente rilassarsi, tenendo calmi i propri bambini con i movimenti a dondolo. Il progetto potrebbe essere un’interpretazione relativamente libera dell’argomento “sedia” del concorso, ma fornisce reali benefici e sollievo che vanno oltre il semplice stare seduti.

Francesco Canali, studente di Nuove Tecnologie dell’Arte, Accademia di Brera, si è invece aggiudicato il premio della categoria Studenti con “FIORDILATTE Chair”. Il progetto nasce dalla volontà di creare non soltanto una seduta solida e moderna nelle forme ma anche, e prima di tutto, una relazione, un medium emotivo, uno di quegli oggetti che si associa al focolare domestico e può aiutare a riposare, accarezzandoti, quando si torna a casa. Con il suo aspetto di un elastico, sinuoso e morbido, il legno massello diventa trait d’union delle altre due componenti, lo schienale e la seduta, che nascono come due cuscini in Memory Foam rivestiti in tessuto, scelto per la sua capacità di recupero e di ricomposizione nella forma originaria quando si libera dal peso, ribadendo la sua identità di essere vivo, e non privo di anima.

La giuria era formata da Bruno Allievi (Amministratore delegato Porada), Tiziano Allievi (Socio Porada), Vincenzo Castellana (Architetto e Designer, Consigliere Direttivo ADI), Lena Cottray (Co-Design Director dello Studio Lawson Robb, London), Csaba dalla Zorza (Scrittrice, Personaggio tv, Direttore di Marie Claire Maison Italia), Roberto de Paolis (POLI.design), Anne Desnos (Direttore di Marie Claire Maison France), Iain Johnson (CEO dello Studio Rigby & Rigby, London), Patrick Jouin (Designer, Paris), Sima Ganoudi (Fondatrice e Socia di Wood Work, Principato di Monaco). Nel valutare gli elaborati la giuria ha tenuto conto dell’originalità dei progetti, del loro grado di innovazione e di ricerca di nuove soluzioni progettuali riferite alla lavorazione del legno massello, del livello di sperimentazione sui materiali e della capacità di anticipare scenari d’uso del complemento d’arredo contemporaneo.

Deadline consegna progetti: 15 ottobre 2021

Totale premi: € 10.000

Bando e modalità di adesione su: www.porada.itwww.polidesign.net e www.porada-design-award.polidesign.net

Saranno le sedie le protagoniste di PORADA INTERNATIONAL DESIGN AWARD 2020, il concorso internazionale di idee promosso da Porada, azienda leader nel settore della produzione di mobili e complementi per l’arredo, e POLI.design, con il patrocinio di ADI, Associazione per il Disegno Industriale.

Innovazione, originalità e ricerca di nuove soluzioni progettuali per la lavorazione del legno sono le linee guida che ispireranno i designer che decideranno di partecipare e interpretare i valori e l’identità di Porada, marchio protagonista del design italiano. Obiettivo di questa nona edizione che si rivolge a progettisti e creativi italiani e stranieri (singoli o in gruppo), liberi professionisti o dipendenti, studenti o professionisti è quello di creare concept innovativi di sedie in cui sia prevalente (ma non necessariamente esclusivo) l’uso del legno massello.

I numeri del concorso sono ormai diventati importanti: 316 i progetti presentati alla commissione giudicatrice nell’ultima edizione dedicata alla creazione di diverse tipologie di credenze e madie di cui 222 appartenenti alla categoria professionisti e 94 alla categoria studenti.  Numerose le adesioni dall’Italia, ma altrettanto positiva la risposta a livello internazionale: Brasile, Cile, Colombia, Egitto, Giappone, Giordania, Turchia, Tailandia, sono solo alcune delle nazioni coinvolte. Sei i vincitori – tre nella categoria Professionisti e tre in quella Studenti – che hanno saputo cogliere lo spirito del concorso proponendo dei progetti innovativi e originali verranno premiati durante la Design Week 2020.

A vincere il concorso lanciato nel corso del 2019 per la categoria Studenti è stato Niccolò Devetag, studente del corso di laurea in Design & Engineering presso il Politecnico di Milano, con il progetto “Frame”. Il vincitore per la categoria Professionisti è stato invece Apostolos Papadimitriou con il progetto “Hackford”, scelto dalla giuria perché nato dalla ricerca di una nuova unità di intrattenimento, in grado di ospitare numerosi dispositivi che potrebbero accompagnare il televisore nel prossimo futuro, come TV service box, console di gioco, Hub, Apple TV e apparecchiature stereo.

Le soluzioni di sedie presentate per l’edizione 2020 dovranno essere originali e inedite e finalizzate a valorizzare l’impiego di tecnologie produttive e processi di lavorazione tipici del legno massello. Dovranno inoltre tener conto della rispondenza alla funzionalità specifica, del rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza, dei requisiti ergonomici e dell’attenzione alle istanze ambientali e di progettazione sostenibile. Il legno, in essenza naturale, preferibilmente tra quelle di uso prevalente dell’azienda, o laccato, potrà essere abbinato a metallo, cristallo, pelle, cuoietto o tessuti.

A giudicare e selezionare i progetti vincitori una giuria formata da esperti del settore. Nella valutazione degli elaborati, saranno presi in considerazione: originalità, grado di innovazione e ricerca di nuove soluzioni progettuali riferite alla lavorazione tipica del legno massello, sperimentazione sui materiali e le finiture superficiali, definizione e anticipazione di scenari d’uso e concept innovativi nell’utilizzo del mobile in legno e del complemento d’arredo contemporaneo, con particolare riguardo alle determinazioni tipologiche, tecnologiche e morfologiche.

La Giuria sceglierà tre vincitori per ciascuna delle due categorie (Studenti e Professionisti) in gara, che verranno premiati durante un evento dedicato. Il montepremi complessivo di 10.000 euro verrà così ripartito:

Categoria PROFESSIONISTI:

1° premio € 3.000

2° premio € 2.000

3°premio € 1.000

Categoria STUDENTI:

1° premio € 2.000

2° premio € 1.200

3°premio € 800

I progetti vincitori del concorso potranno, inoltre, essere realizzati ed eventualmente prodotti da Porada in una fase successiva.

Per maggiori dettagli sulle modalità di partecipazione e per presentare la propria domanda di partecipazione, progettisti e creativi italiani e stranieri possono consultare il bando disponibile ai siti www.porada.it www.porada-design-award.polidesign.net.

 

Contacts:

Email: award@porada.it

Tel.: [+39]031.766215

Ufficio Comunicazione POLI.design: Chiara Gattuso

Mail: Comunicazione@POLIdesign.net

Tel. [+39] 02.23997201

www.polidesign.net

Ufficio Comunicazione Porada: Laura Allievi

Mail: laura@porada.it

Tel.: [+39]031.766215

www.porada.it

 

Scarica il regolamento completo

Concorsi correlati

Concorso

Smart Label, Host Innovation Award

Torna il riconoscimento all’innovazione nel settore dell’ospitalità promosso da HOST – Fiera Milano in collaborazione con POLI.design
Concorso

Hainan International Designer Competition (HIDC)

Il tema è "Design Drives Innovative Hainan" e l'obiettivo è quello di costruire un'isola del design con progettisti innovativi di tutto il mondo
Concorso

Switch2Product 2022. Rendi la tua idea una vera startup: partecipa all’Innovation Challenge!

Innovation Challenge organizzata da PoliHub, Technology Transfer Office del Politecnico di Milano e Officine Innovazione di Deloitte
Chiudi