Comunicazione
EARLY BIRD 10% per le iscrizioni ai Master Universitari in partenza nel 2021 e 2022
  • Communication Design
Corso / I edizione

Brand Mutation

Rethinking the creative processes for developing brand identity systems

Costo
1.600,00 €
Durata
22 ott. 2021 - 22 dic. 2021
Lingua
  • Inglese
Posti
25
In collaborazione con
  • AIAP - Associazione Italiana Design della Comunicazione Visiva
Riduzioni
Agevolazioni

Corso

Il mondo sta cambiando rapidamente. La comunicazione del marchio oggi funziona in molte dimensioni e media. Persone, prodotti e servizi sono interconnessi in modo complesso.

Cinquant’anni fa, un marchio era solo un singolo marchio usato per il riconoscimento della marca, che lo distingueva dal resto. Ora un marchio è diventato una piattaforma in cui persone che la pensano allo stesso modo si riuniscono e condividono una serie di esperienze che creano un attaccamento emotivo.

Per sopravvivere e rimanere davanti ai loro concorrenti, i marchi devono ridefinire costantemente la loro posizione per adattarsi al loro ambiente in rapido cambiamento. Internet, i social media e le rivoluzioni tecniche hanno dato alle marche la possibilità di comportarsi come organismi viventi.

In tempi di cambiamento, un programma di design ben definito, flessibile e adattabile alla costante progressione è un bene prezioso e una risorsa indispensabile.

Brand manager, designer, comunicatori sono chiamati a ridisegnare i sistemi semantici per costruire un’identità di marca capace di comunicare con i diversi interlocutori in nuovi contesti.

Questo richiede una riflessione sulla definizione dei territori in cui si esprime il concetto di marca.

 

Il Corso di Alta Formazione in Brand Mutation è nato per fornire punti di riflessione e approfondimenti per tutti gli appassionati di comunicazione.

Grazie al prezioso contributo di protagonisti di alcune delle principali agenzie del settore creativo, durante il corso verranno analizzati case studies per capire come pensano e come creano i più grandi innovatori, quali sono i loro punti di riferimento e in che modo lavorano.

Brand Mutation è un programma di formazione composto da una serie di 6 webinar dedicate alle presentazioni dei creativi e da un workshop incentrato sulla creazione di una brand identity dinamica.

Faculty

Direttore del Corso di Alta Formazione: Francesco E. Guida



Faculty

Danny Kreeft Vice Direttore
Tim Rodenbröker Docente - Workshop

Didattica

Obiettivi Formativi

Impara a progettare sistemi di brand identity intesi come sistemi dinamici e variabili. Progettare ecosistemi di comunicazione da una prospettiva generativa.

La parte teorica offre la conoscenza dei modelli concettuali e delle best practice sviluppate e realizzate dai principali attori del mondo del branding contemporaneo.

La parte pratica integra i modelli concettuali con un’esperienza di laboratorio sullo sviluppo di un marchio dal punto di vista del sistema di identità visiva, con una prospettiva variabile, fornendo una panoramica degli strumenti e delle metodologie di codifica creativa.

Piano Didattico

Il percorso di Brand Mutation segue una struttura modulare in grado di rivolgersi ai diversi attori della catena produttiva inerente alla strategia del marchio; si divide in due momenti: Webinar e Workshop.

Webinar:

Giovedì 22 aprile ore 17.00-19.00

Giovedì 6 maggio 17.00-19.00

Giovedì 20 maggio 17.00-19.00

Giovedì 3 giugno 17.00-19.00

Giovedì 17 giugno 17.00-19.00

Giovedì 1 luglio 17.00-19.00

Workshop:

6-10 settembre

Moduli Didattici

Il percorso di Brand Mutation segue una struttura modulare in grado di rivolgersi ai diversi attori della catena produttiva inerente alla strategia del marchio; si divide in due momenti: Webinar e Workshop.

 

1. Brands as ecosystems

Giovedì 22 aprile – 17.00-19.00 

Kontrapunkt – Philip Linnemann (DK)

La natura olistica di ciò che costituisce un marchio può essere vista come un ecosistema. Una rete multicanale di connessioni e interazioni. Una presenza simultanea su varie piattaforme, per creare un’esperienza coerente tra touchpoint, applicazioni e dispositivi, con narrazioni e messaggi interconnessi che passano da uno strumento all’altro. In questo incontro parliamo dei marchi e di come possono essere visti come sistemi biologici.

 

2. Brands and change

Giovedì 6 maggio – 17.00-19.00 

Stockholm Design Lab – Greg Brown (SE)

“Il cambiamento è l’unica cosa su cui puoi contare”. Il mondo cambia e si evolve costantemente, e così i marchi devono rimanere rilevanti. Nato come un linguaggio visivo all’infinito adattabile e flessibile, il design presenta un programma di avanzamento. Il vero potere del design è quando diventa un catalizzatore attraverso il quale un brand si trasforma e si sviluppa continuamente.

 

3. Brands and cities

Giovedì 20 maggio – 17.00-19.00 

Thonik – Nikki Gonnissen (NL)

L’ambiente urbano che costituisce le città riflette i bisogni e i valori umani. Il branding può essere ipotizzato come una strategia per definire un nuovo senso di appartenenza condiviso che, ad esempio, possa legare i cittadini alla propria città. I marchi hanno il potenziale per creare inclusività sociale, un senso comune di appartenenza che i membri delle comunità di maggioranza e di minoranza possono riguardare. Il branding può aiutare le città a rendere visibile la cultura.

 

4. Brands as territories

Giovedì 3 giugno – 17.00-19.00 

The Rodina – Tereza Ruller (NL)

Un brand può essere inteso come la costruzione di una serie di ambienti fisici e digitali. Questo incontro esplora le possibilità spaziali e interattive degli ambienti virtuali come spazio per nuovi pensieri ed estetica che si fanno avanti tra cultura e tecnologia. Un approccio crossmediale consente di esaminare la comunicazione come migliaia di piccole interazioni.

 

5. Brands and stories

Giovedì 17 giugno – 17.00-19.00 hrs

Lava – Hans Wolbers (NL)

Le storie sono una parte fondamentale della nostra natura. Abbiamo raccontato storie per secoli. Troviamo più facile ricordare informazioni strutturate per mezzo di una connessione causale. Circa venti anni fa il settore commerciale ha scoperto il potere delle storie. Lo hanno chiamato “storytelling”. Le aziende ci raccontano la loro “storia di marca” – per conquistare le anime dei nostri clienti. A differenza dei libri con trame Lineair, le storie dei brand si evolvono nel tempo e sono (visivamente) espresse attraverso molti canali. Ovunque le persone incontrano un pezzo della narrazione dovrebbero essere in grado di entrare nel flusso della storia e sperimentare il marchio attraverso it.. Il vero potere della narrazione viene spesso frainteso. La parola “narrazione” è diventato un tale hype che ha portato a un sacco di storie false che fanno il marchio non buono a tutti. Non è possibile progettare o sovrapporre storie che sono irreali. Solo storie reali fanno marche reali.

 

6. Variable brands – durata 2 ore

Giovedì 1 luglio dalle 17.00 alle 19.00 

Studio Dumbar – Liza Enebeis (NL)

Il concetto di identità variabile è cambiato grazie alle tecnologie digitali e alle pratiche di codifica creativa. Questo webinar esamina i sistemi di progettazione per le identità di marca variabili o “viventi” che sono nel movimento e possono cambiare nel colore, nel modello o nella figura. Queste identità possono essere “aperte” nel senso che sono generate da dati esterni o seguono un sistema accuratamente creato e controllato dal progettista.

 

Workshop – durata 40 ore

Danny Kreeft – brand identity design

Tim Rodenbröker – codifica creativa

 

IDENTITÀ DINAMICA

Analisi dell’identità di uno spazio pubblico. L’obiettivo del workshop è considerare gli elementi ambientali di uno spazio pubblico per progettarne l’identità in modo dinamico.

 

ELABORATO

_ Scegli uno spazio pubblico fisico. All’aperto o al chiuso, una piazza o un parco, un museo, un aeroporto, una stazione della metropolitana, una cattedrale o un supermercato; qualsiasi spazio pubblico che di solito comunica se stesso o eventi o fatti su di esso in qualche modo ..

_ Raccogli tutti gli elementi che definiscono l’identità di quel luogo. Attraverso foto o qualsiasi altro strumento, nei dettagli o come visione generale.

_ Analizza quali degli elementi sono statici (una struttura rigida, che si ripete sempre identica) e quali sono dinamici (cambiando spesso ma identificabili).

_ Crea uno schema di questi elementi.

_Ridisegna l’identità visiva di quel luogo giustapponendo gli elementi identitari a una struttura dinamica.

Il lavoro potrebbe essere sviluppato in gruppi di due o tre studenti.

Titolo Rilasciato

Al termine delle lezioni verrà rilasciato un Open Badge al Corso di Alta Formazione in Brand Mutation da POLI.design.

Ammissione

Scadenze

Per partecipare alle selezioni è necessario compilare online la domanda di selezione entro il 22 marzo 2021.

È possibile accedere all’intero corso o uno o più moduli. La modalità di partecipazione scelta dovrà essere esplicitata nella lettera motivazionale.

Costo

Combo 6 webinar + workshop: € 1.600 + iva

Solo webinar € 150,00 + iva

Faculty

Direttore del Corso di Alta Formazione: Francesco E. Guida

Edizione attuale

Faculty

Danny Kreeft Vice Direttore
Tim Rodenbröker Docente - Workshop
Chiudi